Esopianeti attorno a un’unica stella

Se vuoi puoi condividere

L’annuncio della NASA: scoperti 7 esopianeti gemelli della Terra che orbitano tutti attorno alla stessa stella.

esopianeti

La scoperta è importante perché indirizza la ricerca dell’acqua e della vita verso le nane rosse, stelle piccole, relativamente fredde e molto diffuse nell’Universo.
Dopo giorni di attesa, speculazioni e anticipazioni a proposito della “conferenza stampa straordinaria” indetta dalla Nasa, l’annuncio è stato finalmente dato: nell’orbita di Trappist-1, una nana rossa ultrafredda a una distanza stimata di circa 40 anni luce da noi sono stati scoperti in totale 7 piccoli esopianeti rocciosi, cioè con caratteristiche simili a quelle della Terra. Detto in altre parole: gli astronomi della Nasa (e non solo) hanno trovato ben 7 pianeti quasi gemelli della Terra, non uno solo!

esopianetiTRAPPIST-1 E I SUOI ESOPIANETI. Le osservazioni, iniziate nel settembre del 2015, sono state effettuate utilizzando un insieme di strumenti:
il telescopio TRAPPIST-South (ESO, Osservatorio Europeo Australe, La Silla, Cile), il Very Large Telescope (ESO, Cerro Paranal, Cile), il telescopio spaziale Spitzer (Nasa, in orbita a 568 km) e altri telescopi attorno al mondo.

1 TERRA PER 7 GEMELLI. Osservabile nella costellazione dell’Acquario, è una stella di classe spettrale M8 D (catalogo Simbad), è molto “piccola” (poco più grande di Giove) e di massa stimata nell’8% di quella del Sole.

Tutti i suoi pianeti, chiamati rispettivamente Trappist-1 b, c, d, e, f, g, h (dal più vicino al più lontano), hanno dimensioni simili a quelle del nostro pianeta: le dimensioni, la possibile composizione e le orbite sono state desunte dalle variazioni di luminosità della stella causate dal passaggio dei suoi pianeti tra noi e la stella stessa: eventi che in astronomia sono noti come transiti.

esopianeti

IPOTESI CONFERMATE. Il coordinatore della ricerca, Michaël Gillon (istituto di astrofisica di Liegi, Belgio), afferma che «ci troviamo di fronte a un sistema planetario incredibile, non solo perché abbiamo trovato così tanti pianeti insieme, ma soprattutto perché sono sorprendentemente simili per dimensioni alla Terra».

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *